Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione dovuti Google Analitycs. Chiudendo acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

^ Back to Top
facebook

il portale italiano sull'infertilità

studio e prevenzione dell'infertilità e la tutela della genitorialità.

Sportello per la Fertilità


(frequently asked questions
)

AID: inseminazione artificiale con seme di un donatore.
AIH: inseminazione artificiale con seme del marito.
Andrologia: settore della medicina che ha come oggetto di studio l'apparato genitale maschile.
Aspermia: assenza di liquido seminale.
Astenospermia: turbe della motilità degli spermatozoi.
Azoospermia: assenza totale di spermatozoi nell'eiaculato. Può essere dovuta a difetto di produzione testicolare, oppure all'occlusione o mancanza congenita delle vie di escrezione (epididimi, deferenti, ecc.).

Blastocisti: embrione a 5/6 giorni dalla fecondazione ormai pronto per l'attecchimento alle pareti uterine. In natura è a questo stadio che l'embrione abbandona le tube e raggiunge l'utero; nella fecondazione in vitro, alcuni centri attrezzati per questo, preferiscono, in alcuni casi trasferire blastocisti piuttosto che embrioni di due o tre giorni.
Capacitazione: processo cui vanno incontro gli spermatozoi nelle vie genitali femminili, indispensabile perchè gli stessi possano penetrare nell'ovocita. Viene simulata anche in laboratorio.
Clomifene: farmaco che indirettamente stimola la produzione, da parte dell'ipofisi, delle gonadotropine, che a loro volta stimolano lo sviluppo dei follicoli ovarici.
Corpo luteo: il follicolo scoppiato si trasforma in corpo luteo e produce progesterone per tutta la durata della seconda parte del ciclo mestruale, salvo poi degenerare se non si è instaurata una gravidanza.
Crioconservazione: tecnica che consente di conservare gli embrioni, gli ovociti e gli spermatozoi mediante un congelamento in azoto liquido (a temperature inferiori a -196°).
Dotto deferente: canale situato in entrambi i testicoli attraverso il quale gli spermatozoi raggiungono l'uretra.
Eiaculato: è il prodotto terminale dell'apparato riproduttivo maschile, ed è costituito dal liquido seminale, dagli spermatozoi e da numerose altre cellule e sostanze biochimiche.
Endometrio: rivestimento delle pareti uterine interne che le ricopre gradualmente sin dall'inizio di ogni ciclo mensile raggiungendo il suo spesso-re massimo al momento dell'ovulazione, a metà ciclo, quando è pronto ad accogliere e a nutrire l'eventuale prodotto del concepimento. Se il concepimento non è avvenuto, l'endometrio inizia il suo sfaldamento che culmina nella mestruazione.
Endometriosi: malattia in cui l'endometrio si trova fuori dalla propria sede intrauterina ed invade, danneggiandoli, gli organi ed i tessuti circo-stanti coinvolti nella riproduzione. Può causare sterilità.
Epididimo: apparato genitale maschile. Piccolo sacchetto percorso da una rete di minuscoli canali situato in ognuno dei due testicoli; funge da serbatoio degli spermatozoi prodotti da ognuno dei due testicoli. Fecondazione in vitro: l'unione dello spermatozoo e dell'ovulo avviene in laboratorio, e non nell'apparato genitale femminile.
FIVET: fertilizzazione In Vitro ed Embryo Transfer.
Follicolo: formazione rotondeggiante dell'ovaio, ripiena di liquido, che contiene la cellula uovo. Durante il ciclo ovarico cresce sino a raggiungere, in prossimità dell'ovulazione, un diametro medio di 18-24 millimetri.
FSH: ormone gonadotropinico prodotto dalla ipofisi, che induce lo sviluppo e la crescita del follicolo. Nei cicli di riproduzione assistita si usano farmaci con-tenenti tale ormone, per indurre la crescita e la maturazione di più follicoli.
Gamete: cellula germinale, maschile o femminile, pronta per la fecondazione: spermatozoo ed ovocita.
GIFT: Gamete Intra-Fallopian Tranfer, cioè trasferimento dentro le tube dei gameti maschili e femminili.
GnRH: ormone ipotalamico che controlla l'ipofisi stimolandola a produr-re gonadotropine.
Gonadotropine: ormoni prodotti dall'ipofisi sotto lo stimolo del GnRH ipotalamico. Sono 1'FSH e 1'LH, che a loro volta controllano l'attività delle ovaie.
Gonade: organo che genera i gameti, cioè gli ovociti nella donna e gli spermatozoi nell'uomo. Quindi, ovaio e testicolo.
ICSI: IntraCytoplasmic Sperm Injection. Inoculazione di un singolo spermatozoo all'interno del citoplasma di un ovocita.
Infertilità idiopatica: infertilità senza cause apparenti.
Inseminazione: in vivo: deposizione del seme maschile, opportunamente preparato, in utero nel periodo ovulatorio. In vitro: accostamento degli spermatozoi con gli ovociti, in terreno di coltura, in laboratorio.
Ipofisi: ghiandola endocrina che, tra le altre funzioni, ha anche quella di dirigere l'attività delle gonadi maschile e femminile secernendo gli appositi ormoni.
Iperstimolazione ovarica: risposta eccessiva delle ovaie ai trattamenti induttori dell'ovulazione, che è caratterizzata dal passaggio di liquidi dal sangue a distretti che normalmente non ne contengono (addome, torace, ecc.). A ciò si unisce un aumento del volume ovarico, sensazione di gonfio-re addominale, aumento di peso, contrazione della diuresi, alterazione dei parametri ematochimici, tali da richiedere a volte l'ospedalizzazione della donna. La sindrome può prolungarsi od aggravarsi in caso di gravidanza in atto.
Isterosalpingografia: valutazione della forma della cavità uterina e della pervietà delle tube mediante iniezione di mezzo di contrasto attraverso il canale cervicale ed il contemporaneo scatto di alcune radiografie in successione.
Isteroscopia: esame mediamente invasivo atto a visualizzare le pareti interne dell'utero allo scopo di diagnosticare malconformazioni non visi-bili con l'ecografia. Consiste nell'inserimento per via vaginale ed endocervicale dell'isteroscopio, una sottile cannula in metallo che, grazie alle fibre ottiche in essa contenute, permette di vedere l'utero direttamente su uno schermo. A volte la si associa alla biopsia dell'endometrio. L'isteroscopia può anche essere operativa, cioè essere usata per la correzione di malconformazioni quali i setti o i miomi.
IUI: inseminazione intrauterina: il liquido seminale, pretrattato in laboratorio, viene iniettato nella cavità uterina attraverso il canale cervicale. Laparoscopia: tecnica che consente la visione diretta degli organi genitali interni della donna, tramite l'introduzione di un dispositivo a fibre ottiche nella cavità addominopelvica.
LH: ormone gonadotropinico secreto dall'ipofisi, con un picco a metà ciclo, che induce la ovulazione e completa la maturazione dell'ovocita.
MESA: Microsurgical Epididimal Sperm Aspiration. Aspirazione micro-chirurgica di spermatozoi dall'epididimo.
Microiniezione: inoculazione meccanica mediante microaghi sotto controllo al microscopio. Indica, in genere, l'introduzione di uno spermatozoo nell'ovocita in un ciclo di procreazione medicalmente assistita.
Monitoraggio follicolare: controllo continuo dello sviluppo dei follicoli ovarici con l'ecografia ed il dosaggio del 17-í3- estradiolo.
Muco cervicale: muco secreto dalle ghiandole della cervice, che in corrispondenza dell'ovulazione, consente il passaggio degli spermatozoi in utero.
Oligoastenospermia: riduzione del numero e della motilità degli spermatozoi nel liquido.
Ovodonazione: donazione di cellule uovo da una donna (donatrice) ad un'altra (ricevente).
Ovocita: gamete femminile. È la cellula più grande del corpo umano. È contenuta nell'ovaio che a metà di ogni ciclo ne porta a maturazione uno. Al momento opportuno il follicolo che lo contiene scoppia e lo espelle spingendolo nella salpinge corrispondente dove, se verrà fecondato dallo spermatozoo, darà vita allo zigote.
PESA: Percutaneus Epididimal Sperm Aspiration. Prelievo di spermatozoi dall'epididimo attraverso la cute.
Pick-up: prelievo transvaginale per aspirazione sotto guida ecografica degli ovociti dai follicoli ovarici.
PMA: procreazione medicalmente assistita.
Progesterone: ormone prodotto dall'ovaio nel corpo luteo, che prepara l'endometrio all'annidamento dell'embrione.
Salpingi: termine tecnico per tube. Collegano ogni ovaio all'utero; ospitano l'ovocita espulso dal follicolo e, in caso di avvenuta fecondazione, trasportano l'embrione sino alla cavità uterina
Spermiogramma: esame del liquido seminale.
Sterilità immunologica: dovuta ad anticorpi endogeni che possono bloccare il processo riproduttivo a vari livelli (autoanticorpi, anticorpi antispermatozoi, ecc).
Subfertilità: condizione di fertilità al di sotto della norma.
SUZI: inseminazione subzonale. Posizionamento di spermatozoi sotto la zona pellucida dell'ovocita. Tecnica ormai quasi abbandonata in favore della ICSI.
TESE/A: Testicular Sperm Aspiration / Extraction. Prelievo direttamente dal testicolo di frammenti di tessuto mediante, rispettivamente, agoaspirazione oppure procedura chirurgica.
Trasferimento (transfer): posizionamento degli embrioni in utero tramite una sottile cannula.
Varicocele: dilatazione patologica delle vene testicolari che eleva la temperatura scrotale. È tra le cause principali di infertilità maschile.
Vesciculodeferentografia: intervento diagnostico eseguito di solito in anestesia spinale volto ad individuare, in un uomo affetto da azoospermia ostruttiva, la localizzazione precisa dell'ostruzione a carico dei dotti deferenti. Consiste nell'iniezione negli stessi di un liquido di contrasto e in una radiografia della parte.
ZIFT: Zigote Intrafallopian Transfer. Trasferimento nella tuba di uno o più ovociti fecondati.
Zigote: ovocita fertilizzato che ancora non si è diviso in due cellule, ma in cui sono visibili i due pronuclei.